WEB HOSTING GRATIS

In questa pagina sono raccolte le descrizioni di alcuni web hosting gratuiti (in inglese chiamati "free web hosting services"), con una sintesi dei pregi e dei difetti di ognuno. Tali siti offrono spazio web per gli utenti, ricevendo in cambio notorietà.

Esistono molti hosting provider che inseriscono pubblicità nelle pagine degli utenti: tali hosting con "pubblicità forzate" NON vengono qui presi in considerazione, anche se possono essere una valida alternativa per chi non ha problemi ad avere spazi pubblicitari sul proprio sito (infatti gli hosting con pubblicità sono spesso molto efficienti, perché il gestore ha buoni ricavi dalle pubblicità ed è quindi interessato a fornire un buon servizio).

Per eventuali commenti, messaggi, segnalazioni, correzioni, contributi, recensioni, ecc., scrivere a matbech(a)tiscali.it oppure lasciare un messaggio qui. Tutti i contenuti di questa pagina sono di pubblico dominio.

INDICE

Altervista

Voto complessivo (tra ottobre 2010 e marzo 2016): 7

Altervista offre un ottimo servizio di web hosting gratuito. Nata nel 2001 AlterVista è una delle più grandi community di free hosting al mondo.

Sul proprio sito si possono inserire spazi pubblicitari forniti direttamente da Altervista, al fine di guadagnare qualche soldo. L'inserimento di tali banner è facoltativo, ma è obbligatorio inserirne almeno uno ben visibile per i siti di natura commerciale. È vietato inserire pubblicità esterna a quella fornita dal circuito Altervista o "Altervista with Google AdSense". Qui ci sono due banner pubblicitari d'esempio del circuito Altervista.

È possibile installare software tipo WordPress, phpBB, zen, drupal, ecc., anche direttamente dal pannello di controllo, ma di solito è necessario acquistare un database più potente. In alternativa si può usare l'opzione "AlterBlog", gestito con WordPress, che non ha nessun limite di spazio, banda e operazioni orarie del database.

Lo spazio su disco a disposizione è di 200 MB e il limite di traffico mensile è di 10 GB: nel caso venga superato il limite mensile di traffico il sito viene bloccato. Per sbloccarlo si può acquistare altro traffico, o aspettare il mese successivo (o passare ad alterBlog che non ha limiti di banda).

Le connessioni sono molto veloci e l'uptime ottimo. Il pannello di controllo offre molti strumenti, tra cui le statistiche di base, tuttavia non è sempre chiarissimo quali siano le opzioni gratuite e a pagamento.

Per cancellare un sito, accedere a it.altervista.org/elimina.php quindi si riceverà un'email per confermare la richiesta di cancellazione. L'account sarà cancellato entro 7 giorni.

L'assistenza sembra buona e ci sono anche un forum di supporto e un blog dello staff con tutte le novità. La società ha sede a Milano.

Questa stessa pagina e quest'altro sito sono due esempi di pagine web ospitate gratuitamente. Per altre informazioni c'è anche la voce AlterVista su Wikipedia.

Tiscali

Voto complessivo (tra aprile 2011 e dicembre 2012): 2

Il servizio di spazio web gratuito prevede che nella parte superiore delle pagine venga inserita automaticamente una grossa barra pubblicitaria. Inoltre, pare non esista più un'interfaccia web per caricare i files e i trasferimenti ftp si possono fare solo da una connessione Tiscali. La dimensione dello spazio web è di 20MB.

Il pacchetto base a pagamento, invece, è interessante. Costa solo 20 euro l'anno con 1 GB di spazio web, supporto PHP, traffico illimitato, 10 caselle email da 256 MB, dominio di secondo livello incluso. Purtroppo però l'assistenza è sostanzialmente inesistente.

Xoom (Virgilio)

Voto complessivo (tra giugno 2010 e febbraio 2015): 2

Da inizio 2014 circa viene inserito un banner pubblicitario di Google in tutte le pagine in alto. Il tutto senza aver dato notizia agli utenti. Inoltre, all'interno delle vostre pagine verrà inserito automaticamente un codice javascript con lo scopo di "spiare" i comportamenti dei visitatori a fini di marketing... Pare che il software usato a tal fine sia quello di ComScore. Questo è quanto afferma lo staff di Xoom nel marzo 2013: "il codice inserito a 'fine pagina' è ciò che permette agli strumenti di monitoraggio di Xoom (conteggio visite) di funzionare e non può essere rimosso".

La documentazione on-line è quasi inesistente e non c'è un forum d'aiuto, ma è possibile scrivere allo staff con buone possibilità di una qualche risposta in tempi brevi.

È vietato inserire "pubblicità o qualsiasi altra forma di sollecitazione non richiesta ed indesiderata".

Lo spazio su disco è di 1 GB e il traffico mensile di 10 GB, teoricamente espandibili gratuitamente se aumentano le visite. È possibile aggiungere sottodomini al proprio indirizzo. Supporta php e mysql, ma non le Email. È possibile installare Wordpress e Joomla direttamente dal pannello di controllo. La velocità di connessione e l'uptime sono ottimi. La cancellazione dell'account è semplice e immediata (cliccare su "gestione account" in alto a destra).

Il server pare sia a Roma. A gennaio 2011 pare ci sia stato un blocco ftp di qualche settimana.

Questa è una pagina d'esempio.

Libero.it

Voto complessivo (tra novembre 2011 e novembre 2012): 3

Libero.it offre molti servizi web gratuiti tra cui il web hosting dal 1998 circa, con indirizzi del tipo digilander.libero.it/sito

Su tutte le pagine del proprio sito viene inserita una barra di Libero (in alto). Inoltre sembra che non si possano pubblicare siti commerciali, né inserire banner pubblicitari propri.

Biz.nf

Voto complessivo (tra novembre 2013 e novembre 2016): 8

Niente banner pubblicitari, né codici o script inseriti dal provider, ma ci sono alcune limitazioni (rimuovibili acquistando il pacchetto a pagamento):

Dal pannello di controllo è possibile installare gratuitamente Joomla o WordPress (si possono installare anche molti altri software acquistando il pacchetto a pagamento).

Con un solo account è possibile registrare fino a 3 domini con estensione .co.nf

L'account gratuito non ha una scadenza prefissata, ma è possibile cancellare l'account dal pannello di controllo.

Qui c'è una tabella con tutte le caratteristiche dell'hosting.

Tutti i servizi web offerti funzionano grazie a energia elettrica al 100% di origine eolica.

Hosting OS: proprietary *nix

Questo è un sito d'esempio: luce.co.nf

heliohost.org

Voto complessivo (tra marzo 2011 e agosto 2012): 3

È un hosting con ottime funzionalità e senza pubblicità forzate (con 500 MB di spazio, cPanel e Softaculous, ma mancano le statistiche).

Ci sono però due grossi difetti:

  1. Se non si effettua l'accesso al pannello di controllo almeno una volta al mese, l'account viene CANCELLATO, senza alcun preavviso.
  2. L'uptime è basso, circa all'80%, il che significa che mediamente 20 visitatori su 100 non riusciranno ad aprire il vostro sito, soprattutto nel fine settimana.

Non viene offerto alcun servizio a pagamento, ma è possibile fare delle donazioni.

Zymic

Voto complessivo (tra aprile 2011 e gennaio 2013): 4

Niente pubblicità forzate e buon uptime. C'è da aspettare qualche giorno prima che l'account venga attivato. Il pannello di controllo è molto minimale e non ha le statistiche.

Facebook non accetta i link di zymic con estensione zzl.org e zxq.net e anche i computer delle biblioteche di Milano, probabilmente perché il dominio è stato "blacklisted" da diverse parti, in quanto considerato da alcuni insicuro o fonte di spam. Inoltre può essere che in alcuni casi sia necessario usare il dns di Google per connettersi a zzl.org

Pare che a volte venga bloccato l'accesso ai siti zymic (sottodomini di zzl.org e zxq.net) da interi Paesi (come le Filippine o anche l'Italia). In tal caso il vostro sito risulta inaccessibile agli utenti di un certo Paese anche per lunghi periodi di tempo.

Sembra sia possibile utilizzare un proprio dominio di primo livello per l'indirizzo.

I trasferimenti ftp spesso sono lenti: caricare un grosso software con centinaia di files sembra un'operazione abbastanza impraticabile. Lo spazio su di disco per ogni indirizzo è di 6 GB e la dimensione massima per ogni singolo file è di 15 MB. Si possono creare fino a 5 database PHP/MYSQL

Con un singolo account è possibile registrare vari indirizzi, ma poi non si riesce a cancellarli. Infatti c'è un bottone per eliminare l'account, ma non funziona!!

C'è un forum e una chat utenti.

Sito di origine UK/USA. Aggiornamenti sullo stato dei server: twitter.com/zymichosting

000webhost.com (Hostinger)

Voto complessivo (tra giugno 2011 e maggio 2015): 4

Sembrerebbe un'azienda piuttosto grossa, collegata a hostinger.it

Sembra funzionare piuttosto bene ed è veloce. Non ci sono pubblicità forzate e sono ammesse pubblicità proprie. Tuttavia a volte appare un banner pubblicitario dello stesso Hostinger che non sembra possibile rimuovere.

Con il proprio account è possibile registrare illimitati domini di terzo livello (numero di siti web illimitato), e la rimozione o la creazione di un indirizzo è molto semplice. L'attivazione è istantanea. È anche possibile fare l'hosting del proprio dominio.

L'uptime dichiarato del 99% sembra abbastanza verosimile. Spazio di 1,5 GB e traffico di 100 GB. cPanel è senza statistiche e non ha software installabili (tipo wordpress o altri, che sono però disponibili a pagamento), ma un'installazione di prova via ftp di WordPress ha funzionato bene.

Nelle proprie pagine vengono inserite alcune linee di codice javascript di cui non è facile capire bene la funzione, ma molto probabilmente si tratta di analisi e statistiche sul comportamento dei visitatori. Tali script possano reindirizzare i visitatori verso siti giudicati malevoli da Google Chrome. Inoltre, poiché tali linee di codice vengono automaticamente inserite dopo l'ultima tag, tutte le pagine del sito risultano non conformi agli standard.

Già a febbraio 2012 sembra ci fossero problemi di blacklisting. Inspiegabilmente, a marzo 2012 si è bloccato un sito che era stato registrato regolarmente: dopo una decina di giorni ha ripreso a funzionare...

È necessario fare l'accesso al pannello di controllo almeno una volta l'anno, altrimenti tutti i propri siti vengono sospesi... È possibile fare donazioni o acquistare un pacchetto hosting tramite hosting24.com

I server pare siano negli USA e in UK. Questo è un sito d'esempio.

byethost.com e suoi affiliati

Voto complessivo (tra marzo 2011 e gennaio 2013): 2

Spammer? Qui c'è una lista di commenti in inglese.

È previsto un piano gratuito per diventare "rivenditore" (serve però un dominio di di secondo livello NON gratuito) tramite una società "figlia": myownfreehost.net. Questi "rivenditori" offrono sempre hosting gratis, ma pare che siano molto inaffidabili: dopo qualche mese potrebbero cancellare il vostro account senza preavviso! Un modo abbastanza semplice per individuare questi rivenditori sta nel vedere se il piano di hosting a pagamento che offrono punta su securesignup.net come accade anche sul sito di byethost. Segue la descrizione di una cattiva esperienza con uno di questi rivenditori affiliati (vedi similmente anche nofeeshost.com e transisto.com).

nextevo.0lx.net (rivenditore byethost)

Voto complessivo (tra maggio 2011 e marzo 2012): 2

Sembra avere una buona web reputation, ma, ad esempio, Facebook blocca questi sottodomini!!

Non accetta alcuni tipi di files (tra cui ogg vorbis) e il limite di dimensioni per file è di 4 MB. Il pannello di controllo è VistaPanel ed è accessibile all'indirizzo http://cpanel.0lx.net (non c'è tale link di accesso sulla homepage!!).

Nel pannello di controllo si possono registrare altri siti, sempre con lo stesso account.

Sembra che l'upload ftp di un numero consistente di files, sia molto difficoltoso e lento, praticamente inutilizzabile.

L'uptime sembra buono, ma il download lento. Non sono fornite le statistiche e le mailbox.

Dopo meno di un anno dall'iscrizione di prova hanno sospeso l'account, senza nessun preavviso!!!! L'account è stato trasferito in automatico su securesignup.net che, essendo a pagamento, non offre nessun servizio gratuito, se non la possibilità di registrarsi come affiliati e quindi rivendere sottodomini con un guadagno del 5%.

host-ed.net

Voto complessivo (a marzo 2011): 0

Dopo qualche giorno, aprendo la propria pagina si viene reindirizzati a un sito di pubblicità erotica... A gennaio 2012 sembra che sia stato chiuso il servizio di hosting e trasferito su ALOTSPACE.COM ma anche quest'ultimo sembrerebbe un po' ambiguo...

Blog hosting

La differenza rispetto al WEB hosting sta nel fatto che in un blog dovrete usare un software per la gestione dei contenuti, che rende "più facili" le modifiche al sito. Tuttavia è da tener presente che anche i normali WEB hosting di solito prevedono la possibilità di installare software per gestire un blog, un forum, ecc.

Il blog hosting è offerto gratuitamente anche da grandi gruppi come Google o Wordpress.com, e quindi in tali casi il servizio offerto è molto stabile, ma spesso vengono inserite pubblicità nelle pagine degli utenti.

Questa è una lista minimale e approssimativa:

File hosting (aggiornato a novembre 2016)

I servizi gratuiti di file hosting sono tantissimi: permettono di salvare sul web i propri file, di qualunque tipo (video, audio, documenti, immagini, ecc.), ed eventualmente renderli accessibili ad altri. Questo tipo di servizio spesso è usato a scopo di backup in modo da avere una copia dei propri file "sulla nuvola", ovvero il computer di chi fornisce il servizio: in pratica il "cloud" non esiste, è solo il computer di qualcun'altro!! Questa funzione di backup può essere molto utile per chi viaggia, in modo da poter sempre recuperare i propri file tramite una connessione a internet. Infine questo sistema è molto usato per condividere file di grosse dimensioni, come i video, senza utilizzare i social network o youtube. Alcuni esempi:

Image hosting (aggiornato a marzo 2016)

Per l'hosting e la condivisione di sole immagini e fotografie esistono tantissime possibilità gratuite, tra cui:

Note varie

La società 1&1 (provider di domini, hosting e server a pagamento) sembra offrire un anno di hosting gratuito.

Aruba.it dovrebbe essere il primo provider di hosting e domini in Italia, ma è solo a pagamento.

Godaddy.com offre hosting e domini a pagamento, e dovrebbe essere il più grosso registrar al mondo.

Il contatore di AlterVista ha registrato 358 visitatori unici per questa pagina nel mese di dicembre 2015.


Links

Comparison of free web hosting services - Una tabella su wikipedia molto interessante in quanto riassuntiva dei più famosi servizi di web hosting gratuito. Purtroppo è ampiamente incompleta. Sono anche indicati i collegamenti a pagine wikipedia che trattano altri tipi di hosting (immagini, video, audio, files, etc.).

dot.tk - Questo sito, gestito dalla società BV Dot TK, offre gratuitamente (a fini di promozione turistica per un piccolo Stato dell'Oceania, le isole di Tokelau) un dominio di secondo livello del tipo www.giuseppe.tk ma SENZA ospitare i files: funziona come un frame html all'interno del quale verranno visualizzati i contenuti ospitati altrove.

risorsegratis.it - Recensioni di vari servizi gratuiti, tra cui alcuni servizi di hosting.

Software libero e Le linee guida Debian per il software libero

Commenti →